Home    Blog    Vulnerabile per pigrizia?

Vulnerabile per pigrizia?

Hai decine e decine di account ed utilizzi sempre la stessa password? E magari questa password è molto semplice per facilitarti a ricordarla? Attenzione, è molto pericoloso ciò che stai facendo e ti spieghiamo brevemente perché.

Massimo Rachela | 2017-01-30


Sembrerà assurdo a qualcuno, mentre per altri ci sarà sicuramente l’imbarazzo o la consapevolezza nel sapere che, ancora oggi, la password più utilizzata nel web è “123456”.

Sebbene nello scorso anno molte società di sicurezza web avvisarono di quanto fosse facile essere vittime degli hacker, nonostante le molte notizie di account violati (ultima quella dei due fratelli hacker italiani che hanno violato ben 18mila account) e le ingenti attività di pishing, questo terribile e pericoloso trend non sembra né svanire né tantomeno diminuire.

Nelle prime posizioni delle password più utilizzate tra gli account violati troviamo ancora: 123456, 123456789 (per aggiungere un po’ di difficoltà), 111111 (per i più pigri in assoluto), 987654321 e 123321.Persino al caro Mark Zuckerberg, presidente e AD di Facebook, violarono i profili di Twitter e Pinterest perché utilizzò la password “dadada”, troppo semplice anche per un hacker alle prime armi.

Fortunatamente i servizi che impediscono di scrivere password composte solo da semplici numeri o da poche lettere sono sempre meno. Ormai quasi tutti i maggiori servizi online chiedono una password alfanumerica, molte volte con l’aggiunta di caratteri speciali, proprio per diminuire la possibilità che un hacker (in carne ed ossa o virtuale) possa rubarci l’identità.Perché diciamolo: spesso non ci si rende conto di quanto possiamo essere vulnerabili nel web, di quanto possa essere semplice per qualcuno impossessarsi dei nostri dati, delle nostre fotografie di famiglia, delle nostre email o addirittura dei nostri account bancari, ma internet è una giungla piena di pericoli e dobbiamo entrarci sempre consapevoli e preparati.

Quindi accettate il consiglio, prendetevi 1 minuto in più per creare una password difficile e memorizzatela, perché un lucchetto con la chiave attaccata non serve a niente.