Home    Blog    ACTION CAM: MODA PASSEGGERA O NUOVA COMPAGNA DI SHOOTING?

ACTION CAM: MODA PASSEGGERA O NUOVA COMPAGNA DI SHOOTING?

Una case history raccontata dal protagonista: io

Malik Boudarballah | 2017-05-08


Parto da una mia esperienza personale di indecisione in un acquisto: action cam sì o action cam no? Sarà una oggetto superfluo rispetto a reflex e cellulare? Quale compro?

Vivevo questa situazione di dubbio dall’autunno, e qualche settimana fa, sul finire della mia stagione sciistica, ho ceduto al fascino di questo capriccio tecnologico.

Un'action cam dal punto di vista della resa foto/video, comparata alla spesa (per un prodotto valido si parte da meno di 100 Euro per il solo corpo macchina, senza accessori e batterie aggiuntive), si può rimanere molto soddisfatti. Parliamo di un device che restituisce buoni risultati in condizioni operative cosa che per uno smartphone o una reflex sarebbero proibitivi: dimensioni, temperature di utilizzo, esposizione a umidità e acqua, fissaggio a diverse superfici.

Tre vantaggi immediati dalla mia esperienza con riprese foto/video sulla neve:

  • fissaggio facile dell’action cam ad una tavola da snow o al casco per riprese dall’inquadratura insolita
  • peso e dimensioni ininfluenti, sembrava di non averla
  • massima trasportabilità anche nel dopo l'utilizzo: si infila in una qualsiasi tasca della giacca.

Altro esempio è quello delle riprese subacque: dalle più semplici effettuate a pochi metri dalla riva, a quelle più complesse a diversi metri di profondità, i risultati saranno sempre entusiasmanti, e non vedo l’ora di confermarvelo dopo averlo sperimentato.

Al di là del mio utilizzo ludico, un'action cam è stata utilizzata da un nostro cliente in un ambiente decisamente particolare: guardate questo video di Unic utilizzato per la copertina animata del loro sito che abbiamo realizzato e ditemi se rende l’idea di come viene effettuata la lavorazione del macchinario. In questo caso l’action cam è stata fissata all’interno della camera di lavorazione del tornio, protetta da un apposito case, che l’ha protetta dai liquidi aggressivi di lavorazione.

Il mio consiglio finale può che essere quello di darsi un budget ed iniziare a sbizzarrirci con il nostro nuovo giocattolo: cambiare il punto di visione può essere la strategia vincente.